A A A

RILASCIO CERTIFICATI

 

CERTIFICATI ANAGRAFICI
I certificati anagrafici sono attestazioni rilasciate dal Comune, che riguardano esclusivamente le risultanze dei registri della popolazione residente nel Comune e dei registri dell'Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero (AIRE). Il certificato anagrafico non contiene, per ragioni legate alla privacy, l'indicazione dei gradi di parentela, salvo alcuni casi particolari.

Validità: Tutti i certificati attestanti stati, qualità personali e fatti non soggetti a modificazioni (es. certificato di morte) hanno validità illimitata. Le restanti certificazioni hanno validità di 6 mesi dalla data di rilascio se disposizioni di legge o regolamentari non prevedono una validità superiore.
 
DECERTIFICAZIONE

Dal 1 gennaio 2012 tutte le certificazioni rilasciate dalla Pubblica Amministrazione, compresi i certificati anagrafici e di stato civile, sono valide ed utilizzabili esclusivamente nei rapporti tra privati.

Per questo motivo ogni cittadino, quando si rivolge ad una Pubblica Amministrazione o ad un privato che gestisce un pubblico servizio, deve presentare una semplice e gratuita dichiarazione in autocertificazione, che può rendere direttamente davanti al funzionario senza altre attività oppure redigere prima, allegando la fotocopia di un documento di identità valido.

Sui certificati emessi dal 01/01/2012 è infatti indicato:
"Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della Pubblica Amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi” a pena di nullità del certificato stesso.
Le Pubbliche Amministrazioni ed i privati gestori di pubblici servizi non possono pertanto chiedere alla cittadinanza di consegnare certificati, che sono sempre sostituiti dalle dichiarazioni in autocertificazione. (art. 15 Legge n° 183 del 12 novembre 2011).

Nel caso in cui sia necessario ottenere un certificato per utilizzarlo nei rapporti tra privati, si ricorda che i certificati sono sempre in bollo (€ 16,00 più € 0,52 per diritti di segreteria), ad eccezione dei certificati gratuiti (nascita, matrimonio, morte) e dei certificati anagrafici emessi per esclusivo utilizzo nell’ambito di procedimenti giurisdizionali in materie per le quali vige l'esenzione del bollo (€0,26 per diritti di segreteria), quali:
a) procedimenti in materia penale;
b) controversie in materia di assicurazioni sociali obbligatorie ed assegni familiari;
c) controversie individuali di lavoro o concernenti pubblico impiego;
d) controversie in materia di pensioni dirette o di reversibilità;
e) controversie in materia di equo canone delle locazioni di immobili urbani;
f) scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;
g) recupero crediti professionali dei difensori d’ufficio;
h) adozione, affidamento e tutela di minori.

 
Autore:Redazione